Mare e Terra, un’alleanza possibile.. all’insegna della sostenibilità

08/09/2017 - 
image_pdf

Parte questo fine settimana alla Casa del Mare di Ostia Lido ‘Settembre, Regione Lazio… Un mare di opportunità’, l’iniziativa promossa da Regione Lazio, RomaNatura e Arsial sui temi dello sviluppo sostenibile, l’ambiente, l’economia delle risorse legate al mare.

Ma anche un’occasione per legare con un unico filo conduttore – quello della sostenibilità e della identità territoriale – tutta la produzione agroalimentare di qualità del territorio regionale. Quattro giornate – i due fine settimana del 9-10 e 16-17 settembre – in cui saranno attivi dalle 10 alle 23, presso la Casa del mare, mercati di vendita diretta di prodotti agricoli e ittici, rispettivamente proposti da imprese agricole e cooperative di pescatori, ma anche prodotti agroalimentari di qualità trasformati nella nostra regione. Il tutto accompagnato da iniziative collaterali, quali degustazioni guidate, mostre, laboratori per i più piccoli, momenti di approfondimento e dibattito con il coinvolgimento di associazioni, istituzioni ed esperti sui temi legati al mare, alla conservazione delle risorse e alla valorizzazione delle produzioni e delle economie locali. E per finire, nel corso delle serate, concerti gratuiti proposti da gruppi emergenti e band della capitale e del territorio laziale.

“L’iniziativa in programma – dice Carlo Hausmann, assessore all’agricoltura della Regione Lazio, in apertura della conferenza stampa di presentazione – intende richiamare l’attenzione sul tema del mare e sui prodotti da esso ottenuti, perché si tratta di un tema troppo a lungo trascurato. E’ la prima volta che si organizza una manifestazione del genere, tutta incentrata sulle produzioni del mare. Anche se da sempre si va a comprare il pesce nei punti di sbarco, non si è mai dato vita per i prodotti del mare ad una filiera corta organizzata”. Il partenariato con RomaNatura e la scelta della Casa del Mare di Ostia, collocata all’interno della riserva marina delle Secche di Tor Paterno – continua Hausmann – stanno a sottolineare lo stretto collegamento tra la filiera ittica e i temi dell’ambiente e della sostenibilità. La presenza delle quindici aziende selezionate da Arsial, tra cui alcune del settore agricolo e agroalimentare, per la partecipazione ai mercati di vendita diretta, ha proseguito ancora l’assessore, prospetta una possibile alleanza tra economie di terra ed economie di mare, per una valorizzazione congiunta delle produzioni e uno sviluppo sostenibile”.

A seguire l’intervento di Maurizio Gubbiotti, presidente di RomaNatura, che definisce la Casa del Mare un ‘fiore all’occhiello’ del sistema regionale dei parchi e delle aree protette, 14 terrestri e una marina, che fanno capo all’istituzione regionale. E fanno sì che il Lazio risulti la regione più protetta d’Italia e Roma il comune agricolo più grande d’Europa e insieme la città con più verde del continente. Ma, subito dopo, Gubbiotti si sofferma sul perché della manifestazione, che oltre ai temi della valorizzazione delle produzioni ittiche e agroalimentari, ha l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla sostenibilità delle risorse ambientali, beni che per essere conservati devono essere conosciuti, quindi visibili e visitabili e soprattutto vissuti dalla cittadinanza. “L’area marina protetta delle Secche di Tor Paterno – continua il presidente di RomaNatura – è dal punto di vista della biomassa presente e della biodiversità seconda solo a quella di Tavolara, in Sardegna. Fondamentale, per la sua conservazione, è l’alleanza con gli operatori, dal mondo del diving (immersione), a quello della pesca ricreativa, fino ad arrivare alla pesca artigianale e professionale”.

“Il filo conduttore della manifestazione, rimane la sfida sulla sostenibilità, continua Gubbiotti. Oggi si chiude in Cile la Conferenza mondiale sulle aree protette marine, un incontro ai massimi livelli che rilancia la sfida per la sostenibilità e per estendere nel mondo e negli oceani le aree sotto protezione, a tutt’oggi ferme all’1% della superficie coperta dalle acque”.

Infine, la consigliera regionale Cristiana Avenali, madrina della legge sulla filiera corta approvata dal Consiglio Regionale nell’ottobre dello scorso anno, si sofferma su filiera corta e miglio zero che la legge interviene a regolamentare, definendone le caratteristiche e i requisiti, con l’intento di valorizzare le produzioni biologiche e di qualità del territorio, comprese quelle dei parchi e delle aree protette, anche con l’adozione di un marchio riconoscibile. “L’elemento comune che informa l’intera manifestazione – dice ancora Cristiana Avenali – è la sostenibilità ambientale, con il coinvolgimento di tutti gli attori, associazioni, pescatori, istituzioni. Tra l’altro, verranno presentati due osservatori, uno sui delfini capitoli e l’altro sui rifiuti, a sottolineare i rischi, sempre più incombenti, legati alla diffusione delle materie plastiche nelle acque dei nostri mari”.

Infine, il richiamo alla mobilità sostenibile, con un’iniziativa di ciclo turismo che si inserisce nel programma del Mobility week 2017 lanciato dall’Unione Europea. Una passeggiata in bicicletta, che nella mattinata del 16 settembre, a partire dalla Casa del Mare toccherà il sito archeologico di Ostia antica, la Necropoli di Porto, fino ad arrivare alla darsena e al lungomare di Fiumicino e a Fiumara Grande, per rientrare da ultimo a Ostia lido.

Scarica il Programma della manifestazione