Agricoltura Sociale

L’agricoltura sociale è un concreto esempio di multifunzionalità, che si realizza quando l’azienda, congiuntamente alla produzione agricola, produce beni e servizi per il mercato o nell’interesse collettivo.

In agricoltura sociale i fattori produttivi tipici dell’azienda agricola, sono impiegati per garantire servizi alla persona, intervenendo a sostegno delle fasce più deboli della popolazione: soggetti con disabilità fisiche e psichiche, con problemi di dipendenze, detenuti ed ex detenuti, giovani in difficoltà.

Le risorse ambientali e le attività agricole contribuiscono alla realizzazione di percorsi socio-riabilitativi, educativi, formativi offrendo occasioni di inserimento lavorativo e, più in generale, di inclusione sociale.

L’agricoltura sociale propone un modello organizzativo capace di rafforzare la rete dei servizi sociali nelle aree rurali con molteplici vantaggi per le comunità locali:

  • il servizio pubblico può ridurre sensibilmente gli investimenti diretti in strutture sociali;
  • l’azienda agricola valorizza risorse altrimenti inutilizzate;
  • i soggetti a bassa contrattualità vedono accrescere le proprie possibilità di inclusione;
  • i territori migliorano la propria immagine e aumentano la propria capacità di attrazione.

L’Arsial, nell’ambito della propria mission istituzionale promuove l’agricoltura sociale attraverso:

  • incontri tematici con le istituzioni competenti;
  • iniziative di animazione in ambito locale volte a favorirne la diffusione sul territorio;
  • indagini e ricerche sullo stato dell’agricoltura sociale nel Lazio, sulle metodologie di intervento e sulle ipotesi di sviluppo;
  • iniziative di informazione e formazione degli operatori agricoli, dei servizi sociali e delle istituzioni del territorio;
  • convegni e seminari tematici;
  • finanziamento di progetti ed iniziative specifiche.

Approfondimenti

Quadro NormativoAmbiti di interventoIl Tavolo RegionaleLe politiche di sostegno

Rientrano tra gli ambiti d’intervento dell’agricoltura sociale:

  • la formazione, il tutoraggio e l’inserimento socio-lavorativo di soggetti a rischio di
    emarginazione
  • l’accoglienza di persone in difficoltà (minori, disabili, anziani, etc.) all’interno di casefamiglia,gruppi-appartamento, comunità di pronta accoglienza, comunità alloggio,case di risposo e case vacanze
  • le attività socio-psico riabilitative, con l’ausilio dell’ortoterapia, della pet-therapy,
    dell’onoterapia, etc.
  • le attività ricreativo-didattiche rivolte a bambini ed adolescenti (fattoria didattica)
  • gli agrinido ed agriasilo per bambini in età pre-scolare
  • le attività aggregative e di animazione locale rivolte a giovani, anziani, famiglie, etc.
  • il turismo sociale, che può prevedere ricettività agrituristica, ristorazione, escursionismo, etc.

Per lo sviluppo delle attività segnalate è necessario prevedere il concorso integrato di professionalità e competenze diverse: agronomiche, socio-sanitarie, socioeducative e formative.

Nel 2007 la Commissione Agricoltura del Consiglio Regionale del Lazio, in accordo con l’Assessorato Agricoltura, ha promosso l’istituzione di un Tavolo Regionale per lo sviluppo e la diffusione dell’agricoltura sociale nel Lazio, invitando ARSIAL a farsi promotrice di questa iniziativa.

Compito principale del Tavolo Regionale è quello di favorire la concertazione tra le amministrazioni che hanno, a vari livelli, competenze nel campo dell’agricoltura sociale e raccogliere le istanze che provengono dal territorio, dalle imprese, dalle rappresentanze di categoria e dalla società civile. A tal fine esso promuove:

  • incontri tematici con le istituzioni interessate a livello regionale e provinciale
  • iniziative di informazione e formazione degli operatori agricoli, sociali e delle istituzioni del territorio interessati ai temi dell’agricoltura sociale
  • la predisposizione di documentazione aggiornata sulle esperienze di agricoltura sociale presenti nella Regione Lazio, sulle metodologie di intervento e sulle ipotesi di sviluppo ad esse collegate
  • convegni e seminari di approfondimento sui temi dell’agricoltura sociale.

A chi rivolgersi

Arsial – Area Sviluppo Territoriale e Rurale, Mercati, Energia

tel: 06. 86273451 – fax: 06. 86273270, email: agricolturasociale@arsial.it